PELLEGRINAGGIO DA PAPA FRANCESCO

Riceviamo a pubblichiamo.


Il 16 giugno p.v., nell'Aula Paolo VI della Città del Vaticano, si tiene l'Udienza straordinaria che Papa Francesco - all'interno dell'Anno Giubilare della Misericordia - concede al mondo del Circo, dello Spettacolo viaggiante e popolare.

Il Circo, non solo italiano (sono stati infatti coinvolti anche l'European Circus Association e la Federation Mondiale du Cirque con lo scopo di ampliare la presenza dei circhi a livello internazionale) sarà insieme alla grande famiglia della gente del Viaggio (Spettacolo Viaggiante e Parchi di divertimento, Teatro di figura, Teatro e Arte di Strada, Bande musicali, Cori, Majorette, Musica meccanica, Folclore, Prestigiatori, Illusionismo, Divertimento automatico, Madonnari, Arte del gessetto, Attori, Fantasisti, Nomadismi dello Spettacolo) per vivere anche questa occasione importantissima di incontro col Sante Padre Papa Francesco, che fa seguito a quella, ancora viva nella memoria di tutti, con Papa Benedetto nel 2012.

Il Circo – che attraverso l'Ente Nazionale Circhi ha chiesto ed ottenuto l'Udienza speciale – sarà, anche questa volta, il cuore pulsante dell'intero evento.

Papa Francesco, in più occasioni dalla sua elezione ad oggi, incontrando i circhi in Piazza San Pietro ha manifestato parole di entusiasmo, amore e profonda valorizzazione verso l'arte circense: “Voi siete fattori di bellezza, voi fate la bellezza e la bellezza fa bene all’anima, la bellezza ci avvicina a Dio”, ha ad esempio detto lo scorso gennaio.

La Chiesa è la vera ed autentica alleata degli uomini e delle donne del circo, e con questa consapevolezza dobbiamo preparare e vivere il pellegrinaggio a Roma. Sarà anche un'occasione mediatica fondamentale per dare visibilità al circo, alla sua realtà umana, artistica e imprenditoriale, e per porre all'attenzione della stampa, dell'opinione pubblica e delle Istituzioni tutte, le rivendicazioni del settore.

Credo che tali premesse, giustifichino il mio invito caloroso e pressante ad essere tutti presenti e a farsi a propria volta artefici nel sollecitare ogni persona del circo (titolari, direttori, segretari, artisti, personale con qualunque mansione, giovani e adulti) a non mancare. Esserci, ed esserci in molti, sarà fondamentale non solo per vivere due giorni bellissimi, ma per mettere un altro tassello nel segno delle battaglie che il circo italiano sta conducendo per un futuro dignitoso.

Sono due i momenti che compongono il pellegrinaggio:
  • il 15 giugno vedrà uno spettacolo all’aperto, con la partecipazione di ogni componente dello spettacolo popolare, nella centralissima piazza San Silvestro in Roma (nei pressi di Palazzo Montecitorio);
  • la mattina del 16 giugno una colorata sfilata partirà (raduno fra le ore 7 e 8) verso piazza San Pietro per arrivare nell’Aula Paolo VI dove è in programma lo spettacolo “Aspettando il Papa” e alle ore 12 il momento clou, l’incontro con il Pontefice.
I dettagli (sia sullo spettacolo all'aperto e sia sul luogo della partenza della sfilata, relativi orari ed altro) su ognuno dei due momenti saranno comunicati con una prossima circolare e sugli organi di informazione del settore.

La due giorni si svolge sotto la direzione del Pontificio Consiglio dei Migranti e Itineranti, in collaborazione con la Fondazione Migrantes.

Considerati i tempi stretti, è necessario iscriversi prima possibile presso la segreteria Enc di Verona, e comunque entro maggio, contattando Letizia Giarola. I suoi recapiti sono i seguenti: tel. 045.500682; fax 045.8233483; email: segreteria@circo.it.

L'iscrizione è condizione irrinunciabile per poter accedere all'Aula Paolo VI, e all'ingresso ogni partecipante riceverà il foulard fatto realizzare per l'occasione.

Vi comunico anche il numero al quale sono sempre raggiungibile, ed è il  340.0505239, così come quello del dott. Claudio Monti: 328.3921250.

Chi volesse invece proporre artisti per l'esibizione nei vari momenti previsti, potrà contattare Alessandro Serena (+39.348.7717396 – alessandro.serena@circoedintorni.it).

Nel ringraziarVi per la collaborazione e in attesa di incontrarci a Roma, invito tutti a farvi protagonisti e promotori di questa opportunità eccezionale e straordinariamente importante.

(Il Presidente) Antonio Buccioni