Anche Varese ha la scuola di circo

Aprirà a settembre in via Guicciardini 114: tanti corsi e discipline differenti per tutte le età, dai grandi ai piccini


La prima scuola di circo della città di Varese aprirà a settembre in via Guicciardini 114: è lo Spazio Kabum! Acrobatica aerea, giocoleria, equilibrismo e non solo: tante discipline proposte in corsi differenti per tutte e età, dai più grandi ai più piccini puntando sui principi moderni del circo, che è innanzi tutto benessere del corpo e della mente.
In embrione fu Va per Strada, l’associazione che da anni porta nelle piazze e nelle palestre di mezza provincia eventi, esibizioni, corsi e seminari. Poi è arrivato «lo spazio», e Va per strada si è scoperta pronta a mettere radici: «L’amico Sergio Moia un paio di mesi fa ci ha chiesto aiuto per sgomberare una vecchia officina meccanica che ha ereditato assieme al cugino. E appena abbiamo visto il posto sono scoccate le scintille», racconta Alessandra Pessina, cofondatrice di Spazio Kabum assieme a Martino Miele e Damiano Petitti, acrobata noto anche come front man dei Truzzi Volanti.
Il capannone, utilizzato da ultimo come deposito di un negozio dell’usato oggi è decadente, oggi ha vetri rotti e muri scrostati, ma i lavori per sistemarlo corrono veloci «e prima della fine dell’estate sarà pronto – assicura Alessandra - noi già ce lo immaginiamo con tutti gli attrezzi, i materassi, i tessuti appesi e le panche sotto la tettoia che corre sul fianco del Capannone, per sfruttare anche l’esterno».
Oltre alle discipline circensi più tradizionali, come la giocoleria, l’equilibrismo e l’acrobatica, a terra e aerea, lo spazio Kabum sarà aperto a diverse contaminazioni che in parte sono già in forza alla squadra dal parkour, alle danze etniche e tradizionali fino alla acrobatic pole dance. E poi contact improvvisation, discipline olistiche, percussioni africane. «L’idea è di un luogo dove ci si prenda cura di tutti, all’insegna dello stare insieme e del divertimento», scrivono i ragazzi sulla pagina Fb di Spazio Kabum. «Negli orari pomeridiani e la sera proporremo i diversi corsi suddivisi per fasce di età, dai bambini dell’asilo, alla elementari, le medie le superiori e poi i maggiorenni largamente intesi – spiega la Pessina - al mattino invece proporreo attività per le scuole, gli oratori, i centri diurni per disabili o anche per anziani, puntando sulle qualità delle arti circensi ideali per allenare la mente, la coordinazione e la concentrazione».
Tante idee che i ragazzi hanno iniziato ad affrontare in maniera più organica ieri sera, con la prima riunione dei maestri che animeranno lo spazio Kabun. E una certezza: sabato 24 settembre tutti in campo per l’inaugurazione.
Tra le attività dello spazio Kabum anche «Circoandando», un laboratorio di circo in movimento che viaggia su quattro ruote «portando la magia e la bellezza del circo per le strade, per le piazze ovunque ci chiamerete», spiegano i ragazzi.
«Il circo è un ottimo strumento di aggregazione, e ci siamo attrezzati per portarlo ovunque anche nelle zone più periferiche», spiega la Pessina rimarcando la vocazione sociale di Spazio Kabum, associazione sportiva dilettantistica affiliata alla Uisp (Unione italiana sport per tutti).

07/07/2016