Il circo è pronto e montato all'ippodromo, ma la situazione resta bloccata e kafkiana

Martedì mattina il tour manager Fabio Mosconi ha avuto un incontro con l'assessore Lorenzo Zammarchi allo Sviluppo Economico del Comune di Cesena per capire se il circo potrà esibirsi all'Ippodromo del Savio oppure no

Il braccio di ferro tra il Circo di Vienna e l'amministrazione comunale va avanti. Martedì mattina il tour manager Fabio Mosconi ha avuto un incontro con l'assessore Lorenzo Zammarchi allo Sviluppo Economico del Comune di Cesena per chiarire alcuni punti e cercare di capire se il circo potrà esibirsi all'Ippodromo del Savio oppure no. Il punto è che il Comune sostiene che i tempi siano troppo stretti per ottenere le autorizzazioni necessarie, mentre il Circo di Vienna, con documenti alla mano, dice che loro le richieste le hanno inviate tutte nei tempi dovuti, ma il portale Suap del Comune non funziona bene e non li ha recapitati e, soprattutto, che alcune delle richieste che avanza il Comune non siano nemmeno necessarie per via del fatto che lo spettacolo si tiene su un'area che ha già di per sé una serie di requisiti, quella dell'ippodromo.

L'assessore ha ascoltato le loro richieste, ha posto alcune domande, dicendo al tour manager che avrebbe eseguito alcuni controlli sulle richieste necessarie, e poi avrebbe fatto sapere. "Non abbiamo preso alcun tempo ma abbiamo agito coi fatti e a breve arriveranno nuove notizie al Circo di Vienna", spiega Zammarchi. Tempo che, però, si sta accorciando sempre più. Il debutto, infatti, del Circo di Vienna era fissato per mercoledì. Data che ora, però, viene messa in forse da questo contrattempo. Senza autorizzazioni, però, gli spettacoli non possono avere inizio, se bastassero due o tre giorni per ottenere tutto, il circo sarebbe anche disposto ad attendere per poi partire con tranquillità. Ma se non dovesse essere così, allora i legali del Circo sono pronti ad agire. Ma ora il problema riguarda anche lo stesso Ippodromo, stretto tra due fuochi. Da una parte il Comune fa intendere che senza autorizzazioni l'Ippodromo non può permettere gli spettacoli, dall'altra stanno comunque ospitando un circo che ha pagato per esibirsi. Una situazione che dovrà sciogliersi al più presto.