La Locanda del Samaritano e la Comunità di Sant’Egidio ospiti d'onore di Royal Circus

Nonostante il recente lutto che ha colpito la famiglia Dell’Acqua, gli artisti sono ancora pronti a prodigarsi per allietare il pubblico con sorrisi e forti emozioni

Hanno riso con il cuore stracolmo di gioia, sono stati lo spettacolo nello spettacolo e hanno dimenticato, per qualche ora, i pensieri che li assillano ogni giorno: gli ospiti della Comunità di Sant’Egidio e de La locanda del Samaritano sono stati i protagonisti in casa “Royal Circus” di due serate a loro dedicate, grazie all’iniziativa promossa dalla famiglia Dell’Acqua a favore dei fratelli meno fortunati.

«Ancora una volta – dice il clown Ridolini, socio onorario delle associazioni Airc e “È… Solidarietà” calabresi – la protagonista è la solidarietà. L’obiettivo è donare momenti di spensieratezza a quanti ne sono privi a causa dei dispiaceri e dei disagi che la vita spesso riserva. È con forte spirito di altruismo che mettiamo la nostra arte anche a disposizione di chi ha minori possibilità rispetto ad altri».

La carovana circense avrebbe dovuto lasciare Catania il 21 gennaio, ma a causa della scomparsa improvvisa di un importante membro della famiglia, ha rimodulato i programmi, prolungando la permanenza fino al 4 febbraio.

I Dell’Acqua desiderano ringraziare la città «per averci mostrato – affermano gli artisti – vicinanza, amore e calore. Siamo grati alla popolazione catanese, nota per l’affetto e la solidarietà che sa trasmettere. La vostra vicinanza in un momento per noi così tragico, ci ha spinto a mettere da parte il dispiacere per continuare nella nostra missione, nonostante tutto. È stato un onore avere ospiti i fratelli della Comunità di Sant’Egidio e de La locanda del Samaritano: abbiamo compreso, con il dolore nel cuore, come la vita offre sempre una seconda possibilità». D’altronde, “the show must go on” e, con la famiglia Dell’Acqua, nel segno delle belle emozioni.