Prolungato il Circo Orfei: resta in pista tutto febbraio

«Insegnare a un gatto a fare un numero può essere anche più difficile che addestrare un leone!» parole di Lenny Alvarez, giocoliere e presentatore del nuovo spettacolo del Circo Nando Orfei che all'Idroscalo sulla via Rivoltana di fronte al Luna Park ha prolungato la sua permanenza fino al 25 febbraio dopo il grande successo ottenuto finora. Il clou sarà il 17 febbraio quando il circo festeggia Carnevale con il pubblico travestito, happy hour, giochi e la premiazione dello spettatore meglio mascherato, poi il tendone si trasferirà nella vicina Locate Triulzi dal 2 al 18 marzo nello Shopping Village Scalo Milano.

Addestrare un gatto? Insieme a rettili e cavalli sono gli unici animali presenti nel nuovo spettacolo della celebre famiglia circense. Se bisogna tenere fede all'affermazione di Nando, che fu anche attore felliniano, in Amarcord e I Clown, per cui «Il circo è e sarà sempre il più grande spettacolo del mondo», anche senza animali, non mancano gli ingredienti principali dello spettacolo circense: lo stupore e meraviglia dei costumi colorati, le acrobazie e la particolarità dei numeri presentati.

Oltre 60 persone a sera, tra acrobati, ballerini, giocolieri, truccatori e l'intero staff, preparano uno spettacolo che oltre ai siparietti più noti come hula-hoop, funambolismo, parate e comicità, prevede per la prima volta numeri ispirati a due personaggi Disney, la Sirenetta e Pocahontas. Da segnalare la presenza di Bruno Meggiolaro, che si cimenterà in un lancio di balestre su se stesso. All'ingresso tanti anatroccoli, di cui uno solo sarà impercettibilmente diverso. Sapranno i bimbi riconoscerlo? Sotto la guida dei clown si capirà anche il motivo di questo gioco: «Sosteniamo il progetto Il brutto anatroccolo promosso da Maria Teresa Baldini, medico e consigliere Regionale, che ha come obiettivo la prevenzione del melanoma cutaneo» spiega ancora Alvarez.

Info. Orari: venerdì, 17.30 e 21. Sabato e domenica, ore 16 e 18.30. Tel. 329-1966644, www.circonandoorfei.com.

Di Marta Calcagno Baldini