Acrobazie su camion e auto negli spazi del Porto vecchio di Trieste

Dal 4 al 15 luglio si terrà l’adrenalinico spettacolo “Extreme Stunt Show Live”. L’idea dell’assessore Giorgi. Assegnata l’area parcheggio dietro il Magazzino 26

TRIESTE Altro che “luci e suoni” in 3D. In Porto vecchio arriva quest’anno l’“Extreme Stunt Show Live”. La giunta comunale è riuscita intatti a intercettare una tappa del tour italiano dello spettacolo adrenalinico del Team dei fratelli Ivan e Tony Zoppis, in questi giorni a Cervignano del Friuli, poi a Gorizia e infine a Udine nel piazzale dello Stadio Friuli. Sarà a Trieste dal 4 al 15 luglio nella zona dei parcheggi dietro il Magazzino 26. A non farselo sfuggire è stato Lorenzo Giorgi, l’assessore al Commercio e agli Eventi correlati (inclusi mercatini e luna park), che l’ha proposto alla giunta comunale.

«Si intende sostenere le iniziative a valenza promozionale volte ad incentivare il territorio e il comparto economico, tra le quali si inserisce a pieno titolo la proposta presentata (ovvero l’“Extreme Stunt Show Live”)», si legge nella delibera. L’evento degli uomini in fiamme e camion su due ruote, si fa sapere, ha ottenuto il nulla osta da parte del gruppo di lavoro per il Porto vecchio. Lo spettacolo viaggiante di auto e moto acrobatiche occuperà un’area di mille metri quadrati con annessa tribuna tubolare che avrà una capienza massima di 200 posti. A carico degli organizzatori, ovvero il Team Zoppis che ha sede a Latina, ci saranno la pulizia dello spazio, il risarcimento degli eventuali danni alla pavimentazione, il montaggio e smontaggio delle strutture. Il Comune non pagherà nulla per avere lo spettacolo, ma non incasserà nulla se non l’occupazione temporanea dell’area. Gli organizzatori, invece, incasseranno i biglietti per i diversi spettacoli (anche due al giorno). I prezzi previsti sono 15 euro per gli adulti e 12 euro per i bambini per un’ora e un quarto di forti emozioni.

In pista scendono gli stuntman, quasi tutti spagnoli, che si sono esibiti anche in numerose pellicole cinematografiche ed in quasi tutte le televisioni europee. Tra gli organizzatori, nel Team Zoppis, ci sono piloti e stunt man con all’attivo 120 film di azione interpretati come controfigure nel cinema. Nel team ci sono piloti di azione come i fratelli Ivan e Tony Zoppis conosciuti per essere gli esperti dei crash con i tir. Ivan e Tony sono stati le controfigure di alcuni film di James Bond, anche nell’ultimo “Spectre”. Tony è volato con la Jaguar nel fiume Tevere mentre Ivan è andato con la macchina sotto un tir e sotto un treno…chiaramente uscendone indenne.

Nel team c’è anche l’unica pilota donna, italianissima, ricercatissima in tutto il mondo come controfigura, Romina. La sua specialità sarà sfrecciare su due ruote con le auto cabrio. La prima stuntwoman italiana capace di competere con i colleghi maschi. La prima stuntwoman fu Lillian La France. Nei primi del ’900, a 30 anni decise di cimentarsi in rocambolesche acrobazie su moto tanto da aggiudicarsi l’appellativo di “la donna che flirta con la morte”.

Gli stuntman di professione sono una settantina e ricevono un compenso di 200-800 euro al giorno, in proporzione ai rischi da affrontare. In genere, le case cinematografiche reclutano le nuove leve tra i figli d’arte, dal mondo del circo, dalle società sportive, dai parchi di divertimento, dalle palestre o dagli ambienti delle corse automobilistiche e motociclistiche.

All’interno dello spettacolo che arriva a Trieste ci sarà anche la moto più grande del mondo a tre ruote: la cosiddetta Trike, lunga dieci metri e alta quattro. Si potrà inoltre ammirare il gigantesco “Monster Truck”, un vero e proprio big foot americano con motore di 1000 cavalli di potenza a sei cilindri a benzina, capace di passare su di un tappeto di auto.

«Lo spettacolo più adrenalinico del momento con i piloti controfigura dei film d’azione più famosi e della televisione. L’occasione unica di poter assistere allo spettacolo più folle del momento con i mezzi più strani che non avete mai visto dal vivo», fanno sapere gli organizzatori.

La scelta di Porto vecchio potrebbe essere appropriata. L’antico scalo triestino è stato il set di parecchie pellicole oltre che di spot per automobile. Ora potrebbe candidarsi per un episodio della serie infinita di “Fast and Furious”.

Commenti