Il circo nel mirino anche delle notizie false

Tamara Bizzarro: "Al Miranda Orfei abbiamo tutti i certificati in regola, indifesi contro gli estremisti"

Non ha difficoltà a parlare di "estremismo" animalista Tamara Bizzarro, addestratrice del Circo Miranda Orfei attendato tra Pagani e Sant'Egidio del Monte Albino fino al 10 Giugno.
Il complesso è finito al centro di una polemica per una foto circolata su Facebook che ritraeva, secondo gli autori, un cammello morto. L'animale che si chiamava Tarzan, è invece vivo e in buona salute. Le social fake news colpiscono ancora. Anche il presidente della Lav, Gianluca Felicetti, venerdì ha diffuso la notizia su Twitter.

E' a lui che Bizzarro, responsabile della Federazione europea detentori di animali esotici e domestici si rivolge: "Prima di dare notizie false siatene sicuri, vedete la fonte, venite a constatare, a controllare e conoscere gli animali che stanno da noi al circo. Ribadiamo un grande invito al presidente Lav, che continua a sostenere che il nostro cammello sia morto sotto il sole".

L'addestratrice di Tarzan, ma anche della giraffa Rocco e di numerose altre specie animali tra cavalli, felini, elefanti, zebre e bovini che vivono nello zoo viaggiante Orfei, aggiunge: "Con i nostri animali si crea un rapporto unico di interazione. Sono abituati alla presenza  e al contatto umano. Viviamo insieme tutto il giorno, che sia bello o brutto tempo. Con queste notizie ci ammazzano".

La pressione animalista, in questo caso esercitata attraverso una fake news, rappresenta "un attacco gratuito che ci comporta danni economici e di immagine" che influisce pure su chi il circo tradizionale lo apprezza. Bizzarro mostra con orgoglio i suoi animali e i certificati: "L'Asl ha rilasciato il certificato di agibilità prima degli spettacoli, senza quello non si può lavorare. I veterinari sono tornati e hanno trovato tutto in regola, così come i carabinieri. Il Circo Miranda Orfei coniuga tradizione ed innovazione".


Commenti