CirCuba arriva a Tenerife per distribuire ritmo e colore


All'inizio di quest'anno si sono esibiti per Papa Francesco con una rappresentazione speciale svolta per il Vaticano. Ora sono a Tenerife e intendono trasferire la magia e il calore latino. Questa è CirCuba, l'isola nazionale del circo dei Caraibi, che si troverà nelle isole Canarie fino alla fine di luglio. Il tour del nostro arcipelago, il primo dalla sua creazione, inizia oggi alla Plaza del Cristo a La Laguna, dove delizieranno il pubblico con le loro danze popolari e le arti circensi fino al 5 maggio.

La presentazione si è svolta ieri mattina nel viale di La Trinidad, quando un gruppo di artisti, vestiti con i loro costumi colorati, ha lasciato il tram contrassegnato con il segno dello spettacolo cantando e ballando, quindi, protagonista in una breve anteprima dello spettacolo . Lì, all'ultima fermata a La Laguna, Tomás Martín, direttore di Publi Servic, li aspettava; Santiago Correa, responsabile della comunicazione di Metrotenerife, e Sabine Zoppis, co-produttore e portavoce di CirCuba.

Zoppis ha descritto ciò che CirCuba offre: "È una miscela di discipline artistiche di alto livello, danze, canzoni, acrobazie ... In breve, un'esplosione di gioia", ha detto la portavoce, in attesa di questo tour delle isole. Quando ha spiegato la natura speciale di questa funzione, ha condiviso uno dei commenti più comuni tra i partecipanti, che di solito dicono di sentirsi a Cuba senza lasciare il posto. "La musica dal vivo è ciò che fa trasportare le persone da sole", ha affermato. Inoltre, ha voluto trasmettere l'impegno del gruppo di artisti, che sentono "molto rispetto e affetto" nei confronti del circo.

Tomás Martín ha descritto questo evento come uno "scambio culturale" dato lo stretto rapporto delle Isole Canarie con l'America Latina e ha anche sottolineato l'importanza di frequentare il circo, qualcosa che "portiamo nel nostro sangue da quando eravamo bambini" e che non dovremmo "togliere dalla nostra vita quotidiana" .

D'altra parte, Santiago Correa ha espresso la sua soddisfazione per aver collaborato a questo progetto con un circo "diverso dal resto" e conformato da "veri atleti".

L'azienda, che quest'anno celebra il suo 50 ° anniversario, ha 40 persone sul palco della Scuola Nazionale dell'Avana, in cui sono stati effettuati i test di selezione per realizzare questo spettacolo .

Prima di sbarcare sulle nostre isole, CirCuba ha trionfato al suo debutto in Italia, dove 74 spettacoli sono stati sviluppati con oltre 250.000 spettatori. Il 2 gennaio, hanno suonato una performance nella sala Nervi del Vaticano per Papa Francesco, che è stato un grande successo per la compagnia.

Yaikel, uno dei giocolieri che si è esibito in questa mostra, ricorda questa esperienza come una delle più belle della sua carriera: "recitare davanti al Papa è stato impressionante". L'artista ha anche raccontato alcuni dei dettagli della sua storia personale. "Lo faccio da quando avevo 7 anni perché è la mia vera passione", ha spiegato il mago, chiarendo che, nel suo caso, non è una tradizione di famiglia. Ha anche espresso il desiderio che l'accoglienza a Tenerife sia positiva: "Spero che il pubblico ci accolga con la stessa gioia che proviamo", ha concluso.

CirCuba rimarrà nella Plaza del Cristo de La Laguna fino al 5 maggio, con funzioni ogni giorno della settimana nel pomeriggio, tranne il martedì e il mercoledì, prima di trasferirsi a Puerto de la Cruz e Los Cristianos.