Breaking News

header ads

Monaco. Intervista a Marcel Peters, l'addestratore di elefanti della Principessa Stephanie


Marcel Peters ha lavorato con gli animali per decenni. È un abile esperto di elefanti ed è il braccio destro della Principessa Stephanie di Monaco nel prendersi cura del suo elefante Baby, e di Nepal, recentemente scomparso.

La sostenitrice degli animali Katerina Pirelli ha incontrato Marcel nel complesso della Principessa sopra Monaco, e ha scoperto l'affascinante storia di come due animali dello zoo, destinati alla morte, siano diventati gli elefanti più fortunati vivi.

Fonbonne si erge maestosamente sulla cima di una montagna che domina Monaco. Questa bella giornata di primavera, Marcel e il suo team di addestratori vengono ad accogliermi, accompagnati dai loro sette cani Leonberger di qualità da spettacolo, che capita anche di chiamare Fonbonne a casa. Mi accompagnano gentilmente in un tour della proprietà e mi presentano tutti gli altri adorabili animali: capre, galline e un Ponkey molto animato (½ pony e ½ asino). Poi incontro Baby, un elefante di salvataggio e il motivo per cui tutti sono qui, nutriti amorevolmente dal suo frutto preferito dalla Principessa Stephanie.

Katerina: Marcel, puoi dirci come è iniziata la tua carriera come addestratore di animali?

Marcel: Nel 1961, mi sono unito al circo da ragazzo di 15 anni nel Regno Unito e ho iniziato a lavorare con l'addestramento dei cavalli. Poi ho iniziato a prendermi cura degli elefanti e alla fine è diventato il mio forte. Ho viaggiato in tutta Europa con un gruppo di elefanti che è ancora oggi di proprietà del "Billy Smart Circus". Dopo qualche tempo avevano bisogno di qualcuno che si occupasse anche dei loro orsi polari e mi hanno chiesto se potevo aiutare. Ovviamente ho accettato, e poi sono rimasto bloccato con quegli orsi polari per circa 14 anni. Sono diventato il loro allenatore e ho viaggiato in tutta Europa con loro.

Nel 1970 abbiamo girato il Sudafrica per tre anni ed è proprio così che ho iniziato in questa carriera. Nel 1973 quando terminai il tour iniziai la mia attività di addestramento degli animali e diventai un addestratore indipendente che lavorava con leoni, tigri ed elefanti in tutto il mondo. È davvero quello che faccio da allora. Svolgo ancora molto lavoro sugli elefanti in Sudafrica quando necessario, sia che si tratti di trasferimento, allevamento, addestramento o gestione. Ovunque qualcuno abbia bisogno di una mano con gli animali, cerco di farlo e di restituire qualcosa alla professione e agli animali stessi.

K: Parlaci del tuo rapporto con la Principessa Stephanie di Monaco?

M: Beh, è ​​iniziato ben più di 40 anni fa quando sono arrivato al Festival del Circo di Monte Carlo con il mio gruppo di leoni esibizionisti nel 1977. Ho incontrato il Principe Rainier III dato che aveva prenotato il mio spettacolo di nove leoni per esibirsi nel suo circo. Nel corso degli anni sono tornato a Monte Carlo con il mio atto di tigre e di leone, ma alla fine ho smesso di esibirmi perché avevo diversi allenatori che lavoravano per me e lo facevo da molto tempo.


Poi, mentre ero in Sudafrica per fare un po 'di lavoro sugli elefanti, la principessa Stephanie mi ha telefonato e mi ha detto: "Marcel c'è un piccolo problema, ci sono alcuni elefanti nello zoo di Lione che saranno eutanizzati". Ho detto che il governo deve avere un motivo per eutanicare gli elefanti, e lei mi disse che avevano la tubercolosi ma non avevano fatto alcun test per questo. Ho concordato che era insolito e che gli elefanti avevano bisogno di essere salvati, ma ho anche messo in dubbio dove li avremmo messi una volta salvati. Disse che voleva costruire un posto in cima alla montagna chiamato Fonbonne, da qualche parte che il Principe Alberto aveva messo da parte per costruire un centro di salvataggio per gli elefanti. Questo è quello che abbiamo fatto nel 2013.

Abbiamo deciso di andare in soccorso di questi elefanti, ottenendo permessi e permessi per rimanere nello zoo di Lione con loro. Avevo bisogno di provare a gestirli poiché non erano stati gestiti da 14 anni, il che è un po 'difficile quando vuoi far uscire gli elefanti e caricarli su un rimorchio e portarli a Fonbonne. Rimasi lì per sei settimane, volando avanti e indietro in mezzo per aiutare a costruire il nostro santuario qui.

Poi, a metà luglio 2013, dopo aver terminato la nostra struttura a Fonbonne, abbiamo caricato gli elefanti a Lione e li abbiamo trasportati qui e li abbiamo introdotti nella loro nuova casa. La condizione degli elefanti non era eccezionale, erano sottopeso, ma nel corso degli anni li abbiamo ingrassati. Purtroppo l'anno scorso l'elefante Nepal è deceduto a causa di una grave insufficienza renale e non siamo riusciti a tenerla in vita. La principessa le ha dato i migliori cinque anni della sua vita e ha sempre avuto il meglio di tutto. Questo è davvero quello che facciamo. Gestisco questo complesso per la Principessa e mi prendo cura dell'unico elefante che ci è rimasto, Baby, che sarà sempre curato fino al giorno in cui morirà. La principessa Stephanie ha chiarito che questo posto è per lei. Abbiamo uno staff completo e Baby è presente 24 ore su 24.Baby and Nepal Association 'e la struttura possono essere visti se qualche donatore vorrebbe venire a dare un'occhiata e incontrare' Baby ', dato che siamo sempre qui. La principessa ha varie altre fondamenta, ma questa è stata istituita rigorosamente per Baby e Nepal.

K: I Grimaldi hanno una lunga storia di conservazione delle specie e consapevolezza degli animali, ricordi qualche storia interessante che puoi condividere con noi?

M: Beh, il Principe Rainier III amava gli animali ed è qui che la Principessa ha ottenuto il suo amore per gli animali. Ha iniziato lo zoo di Monaco, dove tutti gli animali erano stati donati o salvati. Ne aveva molti tra cui tigri, rinoceronti, cammelli, oranghi e scimpanzé. Al Principe sarebbe piaciuto avere animali dappertutto se avesse potuto. È questo amore che lo ha spinto ad iniziare il Festival Internazionale del Circo di Monte Carlo, che è il più grande festival sulla terra.

K: Cosa sperava di ottenere il Principe Rainier III con il festival del circo?

M: Voleva mostrare al mondo che il circo è ancora vivo. All'epoca i circhi in Francia erano in pessime condizioni. Voleva portare a Monaco solo i migliori spettacoli circensi ogni anno e mostrare al mondo in televisione e spettacoli dal vivo quello che è veramente il circo. Avere un circo è come avere un autosalone. Puoi avere un buon showroom con un buon venditore o puoi averne uno cattivo. Ci sono così tanti gruppi per i diritti degli animali che sono anti-animali che sono stati generati dai social media, ma cosa possiamo fare quando non c'è una chiara comprensione del nostro lavoro?

K: Tutti gli animali del Monte Carlo Circus Festival sono ben curati?

M: Ognuno è ben curato e solo il meglio del meglio è invitato.

K: Cosa provi per il futuro della fauna selvatica del nostro pianeta e cosa ti piacerebbe che accadesse affinché fosse preservato per le generazioni future?

M: Beh, tutto è denaro. Dobbiamo avere tratti di terra e devono essere coinvolti i governi. Naturalmente l'industria turistica è molto buona, specialmente in Sudafrica. Questo è uno dei paesi più sicuri in Africa per viaggiare e osservare la fauna selvatica. Il turismo è un grande incentivo per la conservazione della fauna selvatica.

Ma non puoi permetterti di dare un grande tratto di terra di 300 o 400 chilometri quadrati e riempirlo di fauna selvatica. Devi avere qualcuno che se ne occupi. Le organizzazioni non governative indipendenti non possono farcela da sole, il governo deve essere coinvolto. Gli umani non possono continuare a piantare olio di palma e abbattere le foreste indonesiane o brasiliane e semplicemente prendere le risorse. Dobbiamo essere responsabili delle nostre azioni perché alla fine il pianeta sarà sterile. È ogni uomo stesso che deve decidere.

K: Qual è il consiglio più importante che tu abbia mai imparato da qualcuno?

M: Credi in te stesso. Assicurati di rimanere sull'autobus giusto e scendere alla stazione giusta, e soprattutto fai quello che puoi per la razza umana e per gli animali. Il pianeta è un posto bellissimo, proviamo a prenderci cura di lui e salviamo tutte le specie che possiamo.