NOTIZIE RECENTI

Natale sotto il tendone del Circo: Acquatico, Digitale o Tradizionale

Per le feste la città si riempie di «chapiteau» tra avanguardia, magia e fascino retrò. Dall’Appia all’Infernetto, la mappa degli appuntamenti con gli artisti circensi


Un Natale sotto il tendone del circo: con le acrobazie acquatiche o le magie del digitale, con il sorriso buffo dei clown o le prodezze dell’uomo proiettile. L’arte circense non conosce crisi, e anzi si conferma protagonista delle feste natalizie con una serie di debutti tra avanguardia e fascino retrò.

Da mercoledì al 16 febbraio sarà per la prima volta a Roma lo show Aqua (per l’unica tappa italiana del suo tour mondiale), che trasporta i funambolismi aerei del circo tradizionale in uno spettacolare acquario circolare con oltre 50 mila litri di acqua. Una produzione targata Zoppis che mescola la tecnologia del video mapping alla musica caraibica per raccontare la storia d’amore tra un uomo e un’irresistibile sirena, che lo trascinerà negli abissi per vivere un’avventura tra colori e giochi delle fantastiche creature marine. Una storia con un risvolto ecologista, perché il fondale del Mar dei Caraibi si rivela infestato di plastica e altri materiali inquinanti abbandonati con incuranza dagli uomini. Così, tra tuffi mozzafiato, scenografie luminose e volteggi in acqua, il circo di Aqua incanta e insegna anche il rispetto per l’ambiente.

Filosofia green e visioni high-tech anche per il Digital Circus, il primo circo tecnologico-digitale al mondo (prodotto da Andrea Prince - Laserman) che ha piantato i suoi picchetti e allestito il suo allegro «chapiteau» rosa nel quartiere dell’Infernetto (dove resterà fino al 15 gennaio). Al suo interno prende forma uno show immersivo costruito sulla potenza di 40 laser, droni di ultima generazione, oniriche proiezioni 3D e un cast di artisti internazionali con numeri mai visti. Come il volo di Babbo Natale a bordo di una slitta virtuale.

Tradizionale, artigianale e rigorosamente dal vivo è invece il Circo di Lidia Togni, erede della famiglia di Davide Canestrelli con l’arte circense nel Dna, che torna in città (in zona Appia da mercoledì al 2 febbraio) con un’attrazione in esclusiva per l’Italia: l’esibizione dell’uomo-proiettile, Jody Bellucci, reduce dal successo al programma tv «Tu si que vales». E poi la coppia di clown Tic Tac, le sfilate di cavalli di razza e altri animali pregiati: cammelli, dromedari, lama e tigri del Bengala. Stessa passione al Rony Roller Circus della famiglia Vassalli (attiva dagli anni Trenta), che da oggi al 3 febbraio porta a Boccea un gruppo di elefanti di Joy Gartner: tre pachidermi star, vincitori del Clown d’Argento al Festival del Circo di Monte Carlo.

Infine, a mantenere anche senza tendone il sapore antico delle carovane di personaggi fenomenali del passato è lo show internazionale di magia Abracadabra. La Notte dei Miracoli, da giovedì al 29 dicembre al Teatro Ghione. Sul palco tra più grandi illusionisti del momento: Benny Hiu Yeung Li al debutto in Italia, lo spagnolo Jaime Figueroa che veste di comicità i numeri di prestigio, il campione italiano di magia Mirco Menegatti con le sue colombe, poi il trasformismo di Luca Lombardo, Alberto Giorgi e Laura reduci dallo show The Illusionist a Broadway, il soprano giapponese Yasko Fuji e per i più piccoli Gigi Speciale con l’omaggio a Topolino.

Di Natalia Distefano