NOTIZIE RECENTI

Francia. La principessa Stéphanie difende i circhi con gli animali

Indignata dalla programmata scomparsa degli animali nei circhi, la principessa Stéphanie ritiene che questa decisione traccia una linea su una tradizione che nel 2018 ha celebrato circa 250 anni di esistenza

Come reagisci a questo annuncio dalla Francia, tu che difendi il circo con gli animali?

"...È il circo tradizionale. Quello che fa parte delle nostre tradizioni culturali. Credo che non dovremmo generalizzare. Le associazioni che pretendono di proteggere gli animali credono che siano ancora presi dalla natura, quando questo è falso. Sono nati in cattività, proprio come quelli visti negli zoo. Gli animali del circo hanno contatti con gli umani. Sono membri della famiglia. Non sono addestrati o maltrattati, sono solo amati. Alimentati. Coccolati. È come portare via il cane a qualcuno che lo porta solo una volta al giorno e lo lascia in un appartamento troppo piccolo. Questo è un abuso. Nel circo si parla di persone che non vanno in vacanza, che vivono per i loro animali, ventiquattr'ore su ventiquattro. Aggiungerei che in Francia, tutti hanno il diritto di lavorare. Oppure dobbiamo impedire agli agricoltori di guadagnare con il bestiame. Prevenite anche la "tiercé", perché anche lì è sfruttamento animale. Tutto deve essere bandito, e non inseguire solo le famiglie del circo. Il circo è cambiato, è al passo con i tempi. Se vuoi affrontare la condizione animale, devi affrontarla completamente. Gli animali domestici sono molto infelici nelle loro case, li vediamo ogni anno che vengono abbandonati sul ciglio della strada. Anche questa è una nobile causa. Il circo è un sogno. Chiedi a qualsiasi bambino: se vuole andare al circo, non è per vedere i giocolieri, ma gli animali. Anche se lo spettacolo è un tutto. E poi, chiudiamo anche tanti centri ippici dove i cavalli non escono mai dai box ..."

Stephanie di Monaco

Fonte Nice-Matin

Nessun commento