NOTIZIE RECENTI

Dolce e caparbia Sara Mateva, il suo meritato argento completa il trionfo siciliano

Il vero artista di circo non si ferma mai e, quasi con lucida rabbia, riparte anche dinanzi a guai e sventure. Talvolta però la ferrea determinazione stride con il viso angelico e il sorriso smagliante di chi, già madre di due figlie ma ancora giovane (36 anni) e sempre bella, riesce a vincere il ‘Latina d’Argento’ al XXI Festival di Latina, per quest’anno un’edizione tutta tricolore e organizzata, con l’aiuto di tutti e con grande coraggio, dalla famiglia Montico. Il trionfo di Sara Mateva, già a Latina nel 2009 a confrontarsi con artisti provenienti da tutto e premiata con il riconoscimento del CADEC (il Club Amidi del Circo), ha il sapore del coraggio e il calore del sole della Sicilia. Il circo, prima diretto da tutti i fratelli Vassallo ed ora soltanto dal marito Claudio, dal 2010 ad oggi ha girato per diversi anni la ‘Trinacria’ in lungo e in largo trovando calore, affetto e pubblico dappertutto. Davvero coraggiosa Sara quando nel 2016, dopo un intervento chirurgico all’anca, smentì fisioterapisti e oropedici che ne avevano decretato la sua fine artistica. La giovane italo-bulgara, moglie di Claudio Vassallo, ha però avuto una caparbietà indescrivibile. Tantissime le lacrime versate per il dolore nelle manipolazioni all’arto offeso e poi per i primi esercizi. Sara Mateva è quindi risalita sul filo e con i suo hula-hoop a Messina, nel 2018. Ha dovuto però abbandonare le cinghie aeree, specialità con la quale aveva partecipato proprio all'International Circus Festival of Italy di Latina del 2009, ed eliminare alcuni passaggi quali ad esempio la ‘spaccata’. Poco importa, il suo numero ha continuato a crescere e ad arricchirsi con nuovi particolari. In vista di Latina 2020 ha inserito altri esercizi con gli hula-hoop. La giuria l’ha premiata con un meraviglioso “Latina d’Argento”. D'altro canto Sara non può non piacere, Sara non può non essere amata, Sarà ha talento ed equilibrio sul filo fuori dal comune, Sara è capace di essere artista anche nella sofferenza, Sara riesce a produrre costumi sontuosi e da sogno che contraddistinuguono il suo circo, il ‘Sandra Orfei’ che, a Natale, dal 20 novembre al 18 gennaio, sarà a Palermo in viale dell’Olimpo. La conquista dell’argento rende ancora più eccezionale il bottino raccolto dai circhi 'siciliani'. I due ori, Nicholas Errani e ‘Principino’ Gabriel Dell’acqua operano nell’isola. Il primo nello stesso circo di Sara Mateva, un successo quindi davvero unico per questa insegna circense. Dieci anni quasi interamente di tourneè in territorio siciliano che però non sono stati tutti rose e fiori. Di momenti tristi ce ne sono stati, talvolta anche oltre le attese. Lei però, con il suo soave sorriso e la sua capacità ancora attuale di emozionarsi ed emozionare, è riuscita a superare tutto. E’ lei, come spesso capita nella storia dei circhi con un importante ruolo delle donne nei complessi circensi, ad assumere il ruolo di ‘porto sicuro’ e di stimolo non soltanto per il marito Claudio e per le sue adorate figlie, ma anche per l’intera compagnia, operai compresi, del Circo Sandra Orfei. Angelo sì, meravigliosamente sempre composta ma anche trascinatrice e determinata.

Di Pietro Messana 

Foto di Pietro Nissi

Nessun commento